Le tipologie di inquinamento dell’aria e l’impatto sulla nostra salute



Sappiamo tutti che l'inquinamento atmosferico è dannoso. Può portare a problemi di salute cronici nell'uomo e colpisce anche le piante, gli animali e l'ambiente circostante.


Quello che forse non sappiamo è da dove proviene l'inquinamento atmosferico, di cosa è fatto e come ci colpisce realmente.


Questo articolo approfondisce i diversi tipi di inquinanti atmosferici, sia interni che esterni e propone una possibile soluzione.


Che cos'è l'inquinamento atmosferico?


L'inquinamento atmosferico è la contaminazione dell'aria interna ed esterna causata da sostanze chimiche, fisiche o biologiche che modificano l'atmosfera naturale. L'aria può diventare dannosa per la salute dell'uomo e degli altri esseri viventi o creare danni al clima o ai materiali.


Quali sono le cause dell'inquinamento atmosferico?


Molti fattori possono causare l'inquinamento atmosferico; i più comuni sono:

  • Emissioni

  • Oli combustibili

  • Gas naturale

  • Carbone

  • Fumi chimici

  • Fuochi a legna

  • Polvere

  • Incendi selvaggi

  • Eruzioni vulcaniche


Cosa determina l’inquinamento dell'aria?


Esistono diversi tipi di inquinanti atmosferici. Questo articolo analizza in dettaglio gli otto principali inquinanti dell'aria esterna e i sette principali inquinanti dell'aria interna.


In sintesi, si tratta di:


INQUINANTI ESTERNI

  • PM10

  • PM2,5

  • Idrocarburi

  • Metano

  • Monossido di carbonio

  • Ozono

  • Biossido di zolfo

  • NOx (Ossido di azoto)

INQUINANTI INTERNI

  • Amianto

  • Formaldeide

  • COV (Composti Organici Volatili)

  • Inquinanti biologici

  • Radon

  • Piombo

  • Pesticidi


Gli 8 tipi di inquinamento atmosferico esterno


1. PM10


PM sta per "particolato". Il PM10 ha una dimensione massima di 10 micron. Per contestualizzare questo dato, la larghezza media di un capello umano è di 70 micron e l'uomo non può vedere a occhio nudo dimensioni inferiori a 50 micron.


Questo tipo di inquinamento atmosferico si trova prevalentemente sulle strade trafficate, poiché i veicoli e i freni dei pneumatici emettono PM10 quando vengono utilizzati. Esempi di PM10 sono anche il polline, l'erosione stradale e le particelle di polvere esterna prodotte da persone, case e marciapiedi.


Più le particelle sono piccole, più sono dannose e difficili da evitare. Le PM10 sono considerate respirabili - in grado di essere respirate - e a causa delle loro dimensioni possono depositarsi in profondità nei polmoni con poche possibilità di fuga.

Questo può causare numerosi problemi di salute respiratoria e cardiovascolare, che possono portare a morte prematura.


Gli effetti sulla salute possono includere tosse, respiro sibilante, asma, bronchite, pressione alta, attacchi di cuore, cancro, ictus e morte prematura.


2. PM2,5


Il PM2.5 è una particella quattro volte più piccola del PM10. Ciò le rende 20 volte più piccole di qualsiasi cosa che un essere umano possa vedere a occhio nudo. Provengono principalmente dalla combustione, come gli scarichi e le emissioni dei veicoli, quindi le aree vicine a un complesso industriale o a strade molto trafficate presentano normalmente livelli più elevati di PM2,5.

Il PM2,5 si trova anche nella fuliggine dei camini e dei veicoli o nelle particelle di riscaldamento come quelle che si trovano sotto il cofano dell'auto. Anche i fuochi di legna sono noti per le loro emissioni di PM2,5, quindi fate un passo indietro al prossimo falò.


Le PM2,5, essendo così piccole, sono facilmente respirabili e hanno una probabilità quattro volte maggiore di rimanere nei polmoni una volta inalate. Possono causare gli stessi problemi respiratori e cardiovascolari del PM10, ma sono anche abbastanza piccoli da penetrare nel sangue, dove le particelle possono essere trasportate nel corpo.


Gli effetti sulla salute possono includere tosse, respiro sibilante, asma, bronchite, pressione alta, attacchi cardiaci, cancro, ictus e morte prematura.


3. Idrocarburi


“Idrocarburi" è un nome generico per tutti i composti organici formati interamente da idrogeno e carbonio.

Ne sono un esempio il metano, il benzene e gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA).

In grado di assumere la forma di gas, liquidi e solidi, gli idrocarburi sono spesso bruciati per essere utilizzati come combustibile.


La maggior parte degli idrocarburi si trova nel petrolio, nel carbone e nel gas naturale. Pertanto, tutto ciò che comporta la combustione di benzina, carbone o gas naturale all'esterno avrà un effetto negativo sulla salute, comprese le emissioni dei veicoli, i fornelli da campeggio, le stazioni di servizio e il fumo.


Anche le emissioni delle fabbriche industriali dovrebbero essere evitate a causa della combustione di metalli pesanti; la fusione, lo smaltimento dei rifiuti, l'estrazione mineraria e i fumi industriali contribuiscono all'inquinamento atmosferico.


Gli idrocarburi sono anche una delle cause principali dello smog e della riduzione della visibilità in molte città e finiscono nel suolo e nelle fonti d'acqua come fiumi e laghi.


Se inalati, gli idrocarburi possono causare una serie di problemi, tra cui la riduzione dell'ossigeno nel sangue e la mancanza di respiro. Poiché sono molti, ognuno ha le sue proprietà e numerosi tumori sono legati all'esposizione prolungata, oltre a malattie cardiovascolari e scarso sviluppo fetale.


4. Metano


Il metano è un inquinante atmosferico a vita breve che è molto più efficiente nell'intrappolare le radiazioni rispetto alla CO2. Il suo impatto sul cambiamento climatico in 20 anni è fino a 86 volte superiore a quello dell'anidride carbonica.


È presente in natura, ma è cresciuto a causa delle attività umane in agricoltura (allevamento di bestiame, coltivazione di riso, ecc.), nonché a causa di discariche, miniere, combustione di biomassa e produzione di combustibili fossili.


5. Monossido di carbonio (CO)


Spesso raggruppato con gli idrocarburi, il monossido di carbonio è un prodotto della combustione incompleta. È un gas infiammabile incolore, inodore e insapore, leggermente meno denso dell'aria.


Circa la metà del Monossido di Carbonio presente nell'atmosfera terrestre proviene dalla combustione di combustibili fossili e biomassa. La causa più comune è rappresentata dai motori a combustione interna (scarichi di veicoli, tosaerba, ecc.). - ma si trova anche nella combustione incompleta di legno, olio, ecc.


Il monossido di carbonio è altamente tossico ed è il tipo più comune di avvelenamento mortale dell'aria, solitamente dovuto all'utilizzo di apparecchiature in ambienti chiusi. L'avvelenamento da monossido di carbonio avviene raramente all'aperto, poiché è leggermente meno denso dell'aria, anche se può accumularsi nelle grotte e nelle miniere di carbone. Il Monossido di Carbonio sostituisce l'ossigeno nel sangue e, se si rimane esposti troppo a lungo, provoca sintomi influenzali. Se il livello di Monossido di Carbonio nel sangue supera il 50%, si possono avere convulsioni, coma o addirittura la morte.


6. Ozono (O3)


Probabilmente conoscete l'ossigeno come O2, la forma più abbondante di ossigeno sul pianeta (noto come "ossigeno biatomico"). Ma l'ozono è noto come O3; è un gas di colore blu pallido che si forma dall'O2 grazie ai raggi UV e alle scariche elettriche nell'atmosfera terrestre. La luce del sole colpisce gli idrocarburi e gli ossidi di azoto, che reagiscono per formare l'ozono.


L'ozono si trova in basse concentrazioni in tutto il mondo ed è un potente ossidante, spesso utilizzato in applicazioni industriali e di consumo, come detergenti e disinfettanti. L'ozono aiuta a uccidere i batteri sulle superfici dei ristoranti e viene utilizzato per lavare la frutta e sbiancare i materiali. È comunemente usato per disinfettare l'acqua.


I livelli sono in aumento nelle aree urbane, dove il problema è aggravato dalla maggiore densità di popolazione e dalle temperature più elevate. Secondo numerose ricerche scientifiche, è dannoso per l'uomo ai livelli attualmente riscontrati nelle città.


Provoca problemi respiratori e cardiovascolari, problemi riproduttivi e di sviluppo e morte prematura, ma è più dannoso per chi ha condizioni preesistenti.


7. Biossido di zolfo (SO2)


Il biossido di zolfo è un gas incolore che emana un forte odore quando viene bruciato. È tossico e reagisce facilmente formando sostanze nocive come l'acido solforico e l'acido solforoso, oltre a particelle di solfato. Questi composti contribuiscono anche all'acidificazione dei terreni e delle acque.


L'anidride solforosa viene rilasciata naturalmente dalle eruzioni vulcaniche, ma è più probabile che compaia nell'ambiente locale quando si bruciano combustibili fossili contaminati da composti solforici.


Il Biossido di Zolfo può rendere difficile la respirazione e danneggiare il sistema respiratorio. L'esposizione spesso provoca tosse. Elevate concentrazioni possono anche portare gli ossidi di zolfo a reagire con altri composti, contribuendo ad aumentare l'inquinamento da PM10 e PM2,5. L'anidride solforosa può anche danneggiare alberi e piante, diminuendo la crescita e danneggiando il fogliame.


Il Biossido di Zolfo è anche uno dei principali responsabili delle piogge acide, che danneggiano l'ecosistema e possono essere problematiche per pesci e altri animali.


8. NOx


NOx è un termine utilizzato in chimica per descrivere gli ossidi di azoto - principalmente l'ossido nitrico (NO) e il biossido di azoto (NO2) - che sono i più importanti per l'inquinamento atmosferico. I gas NOx si formano quando l'azoto e l'ossigeno reagiscono tra loro e sono quindi presenti soprattutto nella combustione dei combustibili fossili. Vengono emessi anche dalle centrali elettriche e dalle attrezzature fuoristrada che necessitano di carburante per funzionare, ad esempio un trapano pneumatico, ma i suoi gas sono prodotti naturalmente anche dai fulmini.


Respirare aria con un'alta concentrazione di NO2 può causare problemi respiratori. Un'esposizione prolungata può portare all'asma e a un aumento della probabilità di altre infezioni respiratorie.


L'NO2 e altre particelle di NOx possono reagire con gli inquinanti chimici presenti nell'aria per formare PM2,5, PM10 e ozono. Sono una delle principali cause delle piogge acide, che danneggiano foreste e laghi, e le particelle possono anche creare smog. Infine i NOx contribuiscono all'inquinamento da nutrienti, un fenomeno che comporta l'immissione di troppi nutrienti nell'acqua e che agisce come un fertilizzante, causando una crescita eccessiva di alghe.


I 7 tipi di inquinamento dell'aria interna


1. Amianto


“Amianto" è un termine che descrive sei minerali silicati presenti in natura, che costituiscono il 90% della crosta terrestre. Ciascuno di questi minerali silicati è composto da cristalli fibrosi lunghi e sottili, le cui fibre sono composte da microscopiche fibrille, che possono essere facilmente rilasciate tramite abrasione.


In natura, l'amianto si trova su numerose superfici rocciose. È stato utilizzato per migliaia di anni in quanto altamente resistente al calore e ottimo isolante elettrico. A causa delle sue proprietà, si ritiene che la maggior parte degli edifici costruiti prima del 1980 contenga amianto.


L'amianto è talmente dannoso per la salute umana che il suo utilizzo in edilizia è stato vietato nell'UE, nel Regno Unito, in Australia, Giappone, Hong Kong e Nuova Zelanda. I problemi di salute possono richiedere decenni per manifestarsi, quindi non si sa quanti decessi possano essere attribuiti al suo utilizzo.


È noto che l'inalazione di fibre di amianto può causare cicatrici e infiammazioni polmonari a lungo termine, con conseguente affanno. Gli effetti a lungo termine includono il cancro ai polmoni, il mesotelioma e le malattie cardiache polmonari. Si ritiene che circa 100.000 persone all'anno muoiano per malattie legate all'amianto.


2. Formaldeide


La formaldeide (CH2O) è un composto organico presente in natura. Come gas ha un odore pungente, ma è anche incolore. La formaldeide svolge un ruolo fondamentale nel processo industriale, essendo un importante precursore di molti altri composti e materiali chimici.


La formaldeide è un intermedio nella combustione del metano e di altri composti del carbonio. Si forma durante gli incendi boschivi, il fumo e le emissioni dei veicoli, diventando spesso un componente dello smog. Viene spesso utilizzata nelle resine, negli adesivi e nelle finiture e può essere impiegata anche come fertilizzante o pesticida, disinfettante e agente imbalsamante.


Anche solo 30 ml di formaldeide ingerita possono uccidere un adulto, ma è presente in natura ed è una parte essenziale del metabolismo cellulare nei mammiferi e negli esseri umani. Tuttavia, l'esposizione a lungo termine per inalazione è dannosa - la formaldeide è un agente cancerogeno - e potrebbe verificarsi in caso di vicinanza al prodotto.

La formaldeide può essere emessa da pitture, vernici e finiture per pavimenti. Nella maggior parte dei casi, l'esposizione provoca irritazione agli occhi, al naso, alla gola e alla pelle.


3. Composti organici volatili (COV)


I COV comprendono una varietà di sostanze chimiche e sono emessi sotto forma di gas da sostanze solide o liquide. Particolarmente problematici in ambienti chiusi, possono avere una concentrazione fino a dieci volte superiore a quella esterna. Durante alcune attività (come la sverniciatura), gli ambienti interni possono essere fino a 1.000 volte più inquinati di quelli esterni.


I COV sono così diffusi che è quasi difficile comprenderli. I COV possono essere emessi da: pitture murali, sverniciatori e altri solventi, spray aerosol, disinfettanti, deodoranti per ambienti, repellenti per insetti, olio, benzina, mordenti per legno, vernici per legno, indumenti lavati a secco, pesticidi, pitture ad acquerello o a gesso, materiali da costruzione, arredi, fotocopiatrici, stampanti, pennarelli indelebili, liquidi correttivi, colla, adesivi e molto altro.


Gli effetti sulla salute includono: irritazione degli occhi, del naso e della gola, sintomi influenzali, danni al fegato, ai reni e al sistema nervoso centrale e perdita di coordinazione. Alcuni COV sono noti per causare il cancro. Gli effetti sulla salute dipendono dalla tossicità, dal livello di esposizione e dalla durata dell'esposizione.


4. Inquinanti biologici


"Inquinanti biologici" è il nome dato a tutti i contaminanti - compresi i virus - che provengono da esseri umani, animali e piante e che servono a inquinare l'ambiente circostante. Possono anche emergere da qualsiasi area con acqua stagnante o danneggiata dall'acqua.


Gli inquinanti biologici possono provenire da tutto ciò che è vivo negli ambienti interni. Si tratta di polvere, virus, pellicce di animali, piume, particelle di pelle e pollini, nonché acari della polvere, scarafaggi, parti di insetti, escrementi di animali e persino la saliva di un animale domestico. Anche muffe e funghi possono causare problemi.


La maggior parte degli inquinanti biologici può essere inalata e viene spesso notata quando si verificano reazioni allergiche. I sintomi più comuni sono difficoltà respiratorie, prurito agli occhi e naso che cola. Tubercolosi, morbillo, influenza e Covid-19 sono tutti inquinanti biologici e nei casi più gravi possono causare la morte.


5. Radon (Rn)


Formatosi dal decadimento dell'uranio, il radon è un gas incolore, inodore e radioattivo. Tutte le rocce e i terreni contengono piccole quantità di uranio, il che spiega la sua diffusione nell'ambiente. Le aree al coperto sono generalmente più pericolose, a causa della minore pressione dell'aria all’interno dei locali chiusi.


La casa e il luogo di lavoro sono le fonti più probabili di esposizione al radon. Inoltre, anche le piante da giardino e da appartamento emettono piccole quantità di radon dal terreno.


Qualsiasi esposizione al radon rappresenta un rischio per la salute, che spesso aumenta in inverno. Un'esposizione elevata provoca danni ai tessuti viventi e aumenta il rischio di cancro ai polmoni. Il cancro ai polmoni legato al radon causa ogni anno più morti degli incidenti sul lavoro e della guida in stato di ebbrezza messi insieme.


6. Piombo


Il piombo è un metallo pesante, più denso e più morbido della maggior parte degli altri materiali. Per questo motivo è facilmente malleabile e ha un basso punto di fusione. Il piombo si estrae facilmente dalle rocce naturali ed è stato utilizzato per migliaia di anni, dall'antica Roma fino alla rivoluzione industriale.


Il piombo è spesso utilizzato nell'edilizia, nelle tubature, nelle batterie e nelle munizioni. Sebbene sia tossico, è particolarmente utile nella tecnologia, dove può essere utilizzato come saldature e leghe fusibili, ed è stato utilizzato anche per vernici, pesi, combustibili al piombo e peltro.


Se inalato, il piombo si distribuisce attraverso il sangue e si accumula nelle ossa. A seconda del livello di esposizione, può causare problemi cardiovascolari, oltre a colpire il sistema nervoso, i reni, il sistema immunitario, l'apparato riproduttivo e lo sviluppo, causando problemi comportamentali e difficoltà di apprendimento nei bambini piccoli.


7. Pesticidi


“Pesticidi” è un termine generico per indicare le sostanze che controllano i parassiti.

Vengono utilizzati soprattutto per proteggere le piante da erbe infestanti, insetti e funghi.


I pesticidi più comuni sono prodotti dall'uomo e possono essere acquistati per essere utilizzati in giardino. Si tratta di sostanze chimiche o agenti biologici (come virus o batteri) che spesso scoraggiano, inibiscono o uccidono i parassiti, tra cui uccelli, molluschi, pesci e microbi, solo per citarne alcuni.


Gli effetti sulla salute possono spesso essere ritardati, ma sono stati collegati al linfoma non Hodgkin e alla leucemia, nonché a disturbi neurologici, difetti alla nascita e morte fetale. I problemi di salute acuti includono vertigini, mal di testa e nausea, oltre a irritazione della pelle e degli occhi.


È stato stimato che ogni anno nel mondo si verificano circa 385 milioni di casi di avvelenamento acuto non intenzionale da pesticidi, con circa 11.000 decessi. Anche le piretrine, una forma di insetticida, possono essere letali se respirate.

Altri effetti a lungo termine sono il cancro e l'aumento del rischio di diabete.


Esiste una soluzione?


Con i cambiamenti climatici in atto, molte persone e aziende sono alla ricerca di modi per agire che abbiano un impatto immediato.


Per questo, per le aziende e le organizzazioni, U-Earth ha creato la soluzione Pure Air Zone, una suite di prodotti biotecnologici pluripremiati che utilizza batteri ed enzimi tratti dal mondo naturale per catturare e neutralizzare i contaminanti presenti nell'aria.


Se rappresenti un'azienda, l'aria pura può diventare una fonte di vantaggio competitivo. Offrire aria pulita è un driver importante per:

  • i dipendenti, a cui offrire una prova tangibile che l’azienda si prende cura del loro benessere;

  • i clienti, che sempre di più fanno scelte indirizzate verso chi offre un'esperienza, un mindset e processi orientati alla sostenibilità;

  • gli investitori, che sempre di più hanno nel radar aziende che sono posizionate per crescere perché risolvono una delle sfide più importanti del mondo.

Se non hai un'azienda, puoi comunque fare qualcosa di concreto per il cambiamento climatico. Scarica Pure Air Zone App: questo piccolo gesto, di per sé, significa esprimere un “voto” per l’aria pulita: più persone scaricano la App, più sarà ascoltata la nostra voce. Ne parleremo presto più approfonditamente!


Il nostro white paper "Perché investire nell'aria pura rende la tua azienda più competitiva" è un buon modo per approfondire tutto questo: scaricalo!